PROSSIMO AVVIO

Hospitality, partirà online il Corso Extra-Alberghiero Pro – Host Beginner Livello Basic

Anche se il periodo attuale, dominato dalle restrizioni anti Covid, è stato difficile per il turismo, questo settore rappresenta ancora uno dei comparti trainanti dell’economia nazionale.

Un mondo che continua ad essere in grado di offrire solide opportunità lavorative a chi sceglie di entrarne a far parte.

Avviare un’attività dedicata all’hospitality, nel segmento dell’extra alberghiero, è certamente un’avventura avvincente.

Che deve, però, poggiare su solide competenze se si vogliono evitare passi falsi e si desidera costruire una realtà di successo.

Il Corso Extra-Alberghiero Pro – Host Beginner Livello Basic online, organizzato dalla UET – Scuola universitaria Europea per il Turismo di Milano, si rivolge proprio a chi vuole diventare host.

Il percorso formativo, che si svolge online, è realizzato in collaborazione con la più importante community di professionisti dell’extra alberghiero: Host B2B.

Le lezioni, che hanno una durata complessiva di 24 ore, iniziano il 20 settembre.

Al termine del percorso, i partecipanti riceveranno il Certificato di Professional Host in Turismo Extra Alberghiero – Livello Base, rilasciato da UET.

Il Corso fa parte di un programma formativo per gli host più ampio e che comprende anche un livello superiore: il Corso Extra-Alberghiero Pro – Host Expert Livello Avanzato.

Diventare un imprenditore dell’hospitality: a chi è rivolto il corso

Il corso è pensato per chi ha avviato un’attività extralberghiera da poco, e necessita di una formazione professionale basilare, oppure sta per aprire una struttura per la prima volta.

Possono iscriversi, con un tetto massimo di 30 partecipanti, i diplomati della scuola secondaria superiore che abbiano esperienze nel settore ricettivo.

Grazie a questo percorso formativo, i partecipanti possono diventare imprenditori autonomi, capaci di trasformare un immobile in attività di business.

Come? Innanzitutto valutando le diverse problematiche che possono presentarsi nella fase iniziale.

Quindi analizzando, passo dopo passo, tutti i passaggi da compiere prima di approdare sul mercato.

Si parte dall’elaborazione di una business strategy e, passando per l’individuazione di canali di vendita e segmenti di mercato, si arriva alla parte prettamente operativa.

Cioè come gestire le prenotazioni e come predisporre l’inventario, ad esempio.

Tutto ciò che serve, insomma, per diventare un imprenditore preparato, in grado di operare con professionalità in veste di host.

Centrare l’obiettivo: un metodo formativo orientato all’operatività

Il piano di studi del corso Extra-Alberghiero Pro – Host Beginner Livello Basic è incentrato alla massima operatività.

Ossia mira a fornire ai futuri host tutti gli strumenti concreti immediatamente applicabili nell’attività quotidiana.

Come primo step viene fornita ai frequentanti una panoramica complessiva sull’avviamento di un’attività ricettiva.

Insieme a un quadro di riferimento basato su un’analisi delle strutture leader del settore, finalizzato a elaborare un modello di business personalizzato.

Un’attenzione specifica viene poi riservata alla preparazione della struttura per l’accoglienza degli ospiti e a una valorizzazione dei punti di forza dell’immobile.

A questo si aggiungono gli approfondimenti specifici su tutti gli aspetti organizzativi, riguardanti sia la parte gestionale che commerciale.

A fare da diScenti ci sono figure di alto profilo, selezionate tra i migliori esperti italiani in materia, con esperienza di lungo corso nelle realtà più importanti dell’extralberghiero.

Gli strumenti per programmare l’inizio dell’attività

Prima di avviare l’attività, ci sono alcuni elementi e passaggi che è necessario conoscere e mettere in pratica.

La parte iniziale del Corso Extra-Alberghiero Pro – Host Beginner Livello Basic si occupa proprio di questo.  Come prima cosa si delineano i trend attuali del mercato internazionale e si fa una previsione sulle tendenze future. Per poi effettuare un focus dedicato alla situazione in Italia.

Dunque si passa a verificare che caratteristiche deve avere un immobile per rispondere con successo alle esigenze degli ospiti. Con particolare riguardo al segmento del luxury.

Poi c’è la sezione relativa alle normative, gli iter burocratici differenziati in base alle regioni di appartenenza e alle assicurazioni per la responsabilità civile.

E un’indagine per capire se è meglio affittare o comprare l’immobile ed eventualmente cosa valutare prima dell’acquisto.

Senza dimenticare, a tal proposito, l’aspetto della redditività. Ovvero quanto investire, anche in base al rapporto qualità-prezzo della struttura stessa.

L’avvio vero e proprio: tutto ciò che bisogna sapere

Superata la fase preparatoria, il Corso Extra-Alberghiero Pro – Host Beginner Livello Basic passa ad analizzare tutti i passi da effettuare per iniziare l’attività.

Partendo proprio dalla struttura, che deve essere preparata nel modo giusto con interventi di ristrutturazione oppure home staging.

Perché l’obiettivo finale è l’effetto ‘wow’, ma l’estetica deve procedere di pari passo con la funzionalità e la gestibilità.

Sistemato l’immobile, va definito il target dei clienti e il mercato di riferimento, in base alla tipologia di struttura.

Usufruendo di analisi swot, della guest value e dei funnel di vendita, ma anche riuscendo a valutare correttamente i competitor.

Fatto questo, si passa a distinguersi dalla concorrenza creando una brand identity precisa ed efficace.

Che possa tradursi in un’ottimale conoscenza del marchio da parte dell’utenza, attraverso una corretta presenza online.

In tal senso, il piano di studi prevede tutto ciò che serve per confezionare gli annunci nel modo più opportuno. Dalle foto, al titolo e a una descrizione ben fatta.

La commercializzazione: vendita, disponibilità, mercato

Stabiliti i target e delineata una propria immagine occorre scegliere come essere presenti sul mercato.

Alla parte relativa alla commercializzazione del proprio prodotto viene assegnata una parte rilevante del  programma.

I partecipanti apprendono tutti i segmenti di mercato e come posizionarsi su quello prescelto.

Quindi si passa allo studio di tutti i canali di vendita, con particolare attenzione alle varie OTA, che vengono analizzate nel dettaglio.

In base a ciò si valutano vantaggi e svantaggi di una pronotazione diretta rispetto alle OTA, per scegliere quello che meglio si adatta al proprio segmento di marketing.

C’è inoltre un ampio spazio dedicato alla gestione delle disponibilità e alla determinazione delle tariffe. Utilizzando strumenti come Channel manager o PMS.

Infine, ma non meno importante, un passaggio sull’importanza della raccolta dei dati, del modo in cui strutturarla e sul perché utilizzare un CRM.

Ricavare il massimo grazie al Revenue Management

Massimizzare i ricavi è possibile, non solo attraverso la definizione delle tariffe ma anche intervenendo sui costi.

E lo si può fare applicando non una formula magica, ma gli strumenti del Revenue Management. Disciplina orientata all’ottimizzazione del volume d’affari.

A partire dal cuore del Revenue, ossia la tariffa, si analizzano vantaggi e vantaggi di quella fissa a confronto con quella dinamica.

Focus anche su costing e bottom rate, calendario ragionato e controllo di gestione.

Presenta anche una carrellata sugli errori più frequenti che si commettono circa la commercializzazione e sui modi per evitarli.

Dirigere una struttura ricettiva: tutti gli aspetti gestionali

 Occuparsi della gestione di una struttura extralberghiera comprende una serie di attività operative e gestionali complesse.

Conoscerle nel dettaglio è la chiave di partenza per saperle svolgere correttamente.

Bisogna stabilire delle regole della casa e riuscire a farle rispettare dal cliente. L’host, poi, deve avere sotto controllo tutti i documenti della casa, dalla directory all’inventario.

Occorre delineare la politica delle cancellazioni, stabilendone i criteri e le percentuali di penalizzazione. E allo stesso tempo decidere le modalità dei pagamenti da parte degli ospiti.

Va posta attenzione a check-in e check-out, come momenti privilegiati di interazione con l’ospite per assicurarsi un elevato gradimento.

Gradimento a cui deve mirara anche la gestione delle pulizie, che devono essere di qualità.

Tutte attività che trovano, poi, riscontro, nelle recensioni dei clienti.

Su questo fronte, il corso Extra-Alberghiero Pro – Host Beginner Livello Basic insegna come ottenerle, ma anche perché sono necessarie e soprattutto come e dove farsi recensire.

E, infine, come reagire alle valutazioni negative e positive.

Il Corso Livello Basic fa parte di un programma formativo per gli host più ampio e che comprende anche un livello superiore: il Corso Extra-Alberghiero Pro – Host Expert Livello Avanzato.

Per ulteriori informazioni e per partecipare compila il Modulo qui di seguito.

Contatta la scuola

UET – Scuola Universitaria Europea per il Turismo, forma professionisti nel settore fin dal 1993, con autorizzazione dal Ministero della Pubblica Istruzione e accreditamento presso le Regioni ove opera.

Le attività formative sono indirizzate a stu...